9 Marzo 2021 | Dati e Tendenze

Si riduce la mortalità per Covid nei presidi residenziali per anziani

E’ di recente pubblicazione il report dell’International Long-Term Care Policy Network di Londra relativo alla mortalità per COVID-19 nelle strutture residenziali per anziani. Lo studio non comprende, purtroppo, i dati italiani perché non raccolti e pubblicati dagli organi competenti. Franco Pesaresi presenta, in sintesi, le principali evidenze emerse dalla pubblicazione e le confronta con i dati disponibili in Italia.

 

Si riduce la mortalità per Covid nei presidi residenziali per anziani

Il 41% di tutti decessi per COVID-19 erano ospiti di presidi residenziali per anziani. Questo dato medio aggiornato a gennaio 2021 fra 22 diverse nazioni è stato raccolto e calcolato dall’International Long-Term Care Policy Network di Londra (Cfr. Tab. 1).

 

Naturalmente si tratta di un dato indicativo, seppur molto vicino al vero, dato che i paesi utilizzano almeno tre diversi approcci per quantificare i decessi causati dal COVID-19:

  1. decessi di persone che sono risultate positive (prima o dopo la loro morte);
  2. decessi di persone sospettate di avere COVID-19 (in base a sintomi);
  3. decessi in eccesso (confrontando il numero totale dei decessi con quelli nelle stesse settimane degli anni precedenti).

 

Queste differenze rendono ovviamente imprecise le comparazioni fra i vari paesi. Il quarto approccio – il peggiore – è quello dei paesi che non pubblicano i dati relativi ai decessi causati dal COVID-19 avvenuti nei presidi residenziali per anziani.

 

Il confronto con la prima fase

Alla fine della prima fase la quota media di tutti i decessi registrati nei presidi residenziali per anziani era del 50% mentre adesso ad un anno di distanza dall’inizio della pandemia questa quota è scesa al 41%. Si tratta di una quota ancora elevatissima, ma che registra una riduzione significativa.

 

Infatti, per arrivare ad una quota del 41% totale dei decessi dopo un anno vuol dire che in questa seconda fase i morti degli anziani dei presidi residenziali sono stati un terzo circa di tutti i decessi complessivi per COVID-19. Questo vuol dire che i presidi residenziali, nella seconda ondata, si sono fatti trovare più preparati nella gestione del COVID-19 riducendo del 36% i decessi rispetto alla prima ondata.

 

I decessi rispetto al totale degli ospiti dei presidi residenziali per anziani

L’altro indicatore davvero significativo è costituito dalla quota dei decessi degli ospiti dei presidi residenziali per anziani rispetto al totale degli anziani accolti nelle strutture. Per i paesi in cui sono disponibili i dati, la quota di tutti gli ospiti dei presidi residenziali per anziani che sono morti a causa del COVID-19 varia dallo 0,02% a Singapore e allo 0,04% in Nuova Zelanda a oltre il 5% (il che significherebbe che oltre un residente su 20 è morto a causa/concausa del COVID-19) in Belgio, Francia, Olanda, Slovenia, Spagna, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti.

 

La media, per quello che può valere in un quadro di dati relativi a 27 paesi di cinque diversi continenti raccolti dall’International Long-Term Care Policy Network, è del 3,9% di decessi sul totale dei ricoverati nei presidi residenziali1.. E’ del tutto evidente comunque, anche dai diversi studi realizzati, che la quota dei decessi legati al COVID-19 registrati nei presidi residenziali per anziani è fortemente correlata al numero totale di decessi da COVID-19 censiti nella popolazione che vive nel territorio circostante dei presidi residenziali stessi.

 

In Italia

I dati forniti dall’International Long-Term Care Policy Network non comprendono, purtroppo, quelli italiani perché non vengono raccolti e pubblicati dagli organi competenti. Sulla materia sono disponibili solamente una survey nazionale sul contagio Covid-19 nelle strutture residenziali per anziani realizzata dall’Istituto superiore di Sanità (ISS) al 5/5/2020 ed una rilevazione empirica di chi scrive datata luglio 2020 (Pesaresi, 2020).

 

Le due rilevazioni a disposizione portano ad affermare che la quota di decessi per COVID-19 registrata in Italia nei presidi residenziali per anziani rispetto al totale nazionale dei decessi è sensibilmente inferiore alla media rilevata nei paesi occidentali (41%). La percentuale italiana dei decessi per COVID-19 sul totale dei posti letto è invece più alta di quella media rilevata dall’International Long-Term Care Policy Network (3,9%). Questo dato, in controtendenza rispetto al precedente, è sicuramente influenzato dal fatto che la quota italiana di posti letto dei presidi residenziali per anziani è molto più bassa (meno della metà) della dotazione media europea.

 

Note

  1. I dati citati sono relativi al 26 gennaio 2021 per cui è improbabile che risentano dell’impatto dei programmi di vaccinazione degli anziani ospitati nei presidi residenziali

Bibliografia

Comas-Herrera A., Zalakaín J., Lemmon E., Henderson D., Litwin C., Hsu AT., Schmidt AE., Arling G., Kruse F. and Fernández J-L. (2020), Mortality associated with COVID-19 in care homes: international evidence, International Long-Term Care Policy Network, CPEC-LSE, (last updated 1st February 2021).

Pesaresi F. (2020), Covid-19. La mortalità nelle strutture residenziali per anziani, Welforum, 7 luglio.

P.I. 00777910159 - © Copyright I luoghi della cura online - Privacy Policy - Cookie Policy

Realizzato da: LO Studio