1 Giugno 2020 | Dati e Tendenze

Long-Term Care e diritti degli anziani in Europa: Italia debole

Monitorare e valutare le politiche dei governi nel sostenere i diritti delle persone anziane con bisogni di assistenza e sostegno è quanto ha inteso realizzare lo European Centre for Social Welfare Policy and Research attraverso uno studio ad hoc, i cui risultati sono illustrati nel rapporto “From disability rights towards a rights-based approach to Long-term care in Europe, Building an index of rights-based policies for older people”. Si tratta del primo studio europeo che analizza questo tema. I Luoghi della cura offre ai lettori una selezione ragionata dei principali risultati emersi mettendo in evidenza le criticità mostrate dall’Italia.

Long Term-care e diritti degli anziani in Europa: Italia debole

I paesi di tutto il mondo stanno affrontando, in modo diversificato, le sfide sociali, economiche e politiche dovute all’invecchiamento della popolazione, in primis il tema dell’organizzazione e del finanziamento dell’assistenza a lungo termine (Long-Term Care). Vi è un crescente consenso sulla necessità che i governi si adoperino per sostenere un modello di politiche per la non autosufficienza in linea con le norme esistenti in materia di diritti umani e non si limitino ad adottare politiche esclusivamente fondate su un modello medico di assistenza.

 

L’influenza e l’impatto di questo approccio sono evidenziati dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, dall’inclusione del diritto all’assistenza a lungo termine nel pilastro dei diritti sociali dell’Unione europea, dalle attività del gruppo di lavoro a tempo indeterminato delle Nazioni Unite sull’invecchiamento, dagli studi pubblicati dalla Rete europea delle istituzioni nazionali per i diritti umani (ENNHRI), da AGE Platform Europe in collaborazione con altri gruppi di difesa dei diritti delle persone anziane1.

 

Lo European Centre for Social Welfare Policy and Research ha pubblicato, nel luglio 2019, “From disability rights towards a rights-based approach to Long-term care in Europe. Building an index of rights-based policies for older peoplei risultati del primo studio europeo finalizzato a monitorare e valutare le politiche dei governi e i risultati di tali politiche nel sostenere i diritti delle persone anziane in relazione ai loro bisogni di assistenza e cure a lungo termine. I due strumenti utilizzati per l’analisi scaturiscono da un approccio basato sui diritti umani: l’Indice dei diritti delle persone anziane (Rights of Older People Index -ROPI) e il Quadro di valutazione sugli indicatori di risultato2.

 

Sebbene esista oggi un dibattito aperto tra coloro che sostengono la necessità di un approccio all’invecchiamento strettamente connesso al tema dei diritti umani34.e coloro invece che sottolineano lo scollamento tra questa visione e le teorie economiche relative al razionamento dei costi e delle cure tenuto conto delle attuali risorse disponibili, questo Studio evidenzia quanto risulti oggi necessario esaminare come i diritti delle persone anziane, con esigenze di assistenza e sostegno, possano essere protetti e fatti valere in modo più efficace attraverso l’applicazione di un approccio basato sui diritti.

 

I risultati presentati nel documento si riferiscono ai 12 paesi selezionati per essere inclusi nel ROPI e nel Quadro di valutazione sugli indicatori di risultato: Austria, Finlandia, Irlanda, Italia, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia Svizzera e Regno Unito5.

 

L’Indice dei diritti delle persone anziane (ROPI)

L’Indice dei diritti delle persone anziane (ROPI) è una misura composita multidimensionale organizzata in domini (box 1) che esaminano6il quadro giuridico e politico dei vari paesi nonché i meccanismi di attuazione volti a garantire il rispetto dei diritti delle persone anziane.

I domini ROPI
Box 1 – I domini ROPI

La tabella 1 mostra i domini e all’interno di ciascuno, la struttura e gli indicatori di processo che insieme formano il ROPI.  Lo Studio7 sottolinea che il ROPI non riflette l’effettiva attuazione delle politiche o i risultati, in termini di output, sulla vita delle persone anziane, ma specifica che la legislazione, determinando i diritti e le responsabilità delle persone e delle autorità, rappresenta una base importante per la promozione e la protezione dei diritti delle persone anziane.

 I domini e gli indicatori del ROPI
Tabella 1 – I domini e gli indicatori del ROPI

Nei risultati complessivi per il ROPI – espressi in categorie numerate da 1 a 3, dove a numero più alto corrispondono standard migliori (tabella 2) – la Svezia raggiunge il punteggio indice più alto (2.2). La Finlandia si posiziona al secondo posto, leggermente in vantaggio rispetto a Slovenia, Irlanda e Austria. La Polonia ha il punteggio più basso (1.8). In particolare, nessuno dei paesi appartiene alla fascia di punteggio più alta (2.6-3.0) o più bassa (1.5-1.0) e anche la variazione tra i punteggi dei paesi è contenuta (tra 2,2 e 1,8 nell’indice complessivo). È interessante notare che non vi è alcun raggruppamento geografico evidente nei risultati della classifica generale.

 

Indicazioni utili per la consultazione delle tabelle8

 

Risultati complessivi per il ROPI per i 12 paesi partecipanti
Tabella 2 – Risultati complessivi per il ROPI per i 12 paesi partecipanti

Dai risultati del ROPI si evidenziano margini di miglioramento nella maggior parte dei paesi. Le possibilità di miglioramento sembrano essere maggiori, in media tra i paesi, per i domini IV (Vita, libertà, libertà di movimento), V (Privacy e vita familiare), IX (Standard di vita adeguato), e X (Reclami e risarcimenti).

 

Risultati per singoli domini

Dominio I – Parità di accesso ai servizi di assistenza e ai sostegni

La parità di accesso ai servizi di assistenza e l’ammissibilità economica delle cure rappresentano fondamenti necessari per garantire che le persone anziane, bisognose di sostegni, possano vivere in modo indipendente, senza fare affidamento esclusivamente sui loro familiari. Dati i costi associati alle cure a lungo termine (Muir, 2017), il sostegno pubblico è spesso fondamentale per accedere alle cure formali. Nel ROPI ciò è stato valutato attraverso indicatori volti a considerare le condizioni di accesso sancite dalla legislazione in materia di servizi di assistenza domiciliare, cure istituzionali, fornitura di protesi e ausili e adattamento protesico all’ambiente domiciliare. Questo settore include anche un indicatore della spesa pubblica per l’assistenza a lungo termine in percentuale del PIL, come misura delle risorse pubbliche dedicate all’assistenza a lungo termine.

 

Svezia e Finlandia raggiungono il punteggio più alto possibile, con la Svizzera alle spalle. Per quanto riguarda la legislazione sull’accesso all’assistenza domiciliare e residenziale, esistono sostanzialmente due gruppi di paesi. Svezia, Finlandia, Irlanda, Portogallo9e Svizzera non presentano restrizioni di ammissibilità oltre alla valutazione dei bisogni. I restanti paesi limitano tutti l’accesso in base al reddito. Questa restrizione assume la forma di test dei mezzi per la prestazione di cure (ad es. Regno Unito [Inghilterra]) o cofinanziamenti basati sul reddito10(ad es. Austria [Vienna]).

 

Il ROPI evidenzia altresì limiti nell’accesso ai dispositivi di assistenza e protesizzazione degli ambienti domiciliari11. L’ammissibilità alle diverse forme di assistenza necessarie per vivere in modo indipendente non è ancora un diritto garantito dalla legge (a differenza dell’accesso alle cure sanitarie, ad esempio), al di fuori della Svezia e della Finlandia e, in parte, della Svizzera. Tutti gli altri paesi o limitano l’accesso in base al reddito o dedicano troppo poche risorse all’assistenza a lungo termine.

Risultato ROPI Dominio I - Parità di accesso ai servizi di assistenza e ai sostegni
Tabella 3 – Risultato ROPI Dominio I – Parità di accesso ai servizi di assistenza e ai sostegni

 

Dominio II – Scelta, capacità giuridica e capacità decisionale

Il dominio II, costituito da otto indicatori, analizza diverse dimensioni tra cui: legislazione relativa a capacità giuridica, legislazione relativa alla scelta e al consenso degli utenti nell’accesso ai servizi di assistenza a lungo termine e, infine, disposizioni normative in essere relative alle Direttive Anticipate (AD)12. Sebbene in questo dominio nessun paese appartenga all’intervallo di punteggio più alto, i punteggi sono generalmente maggiori rispetto alla maggior parte degli altri domini. Svezia e Irlanda ottengono il miglior punteggio, leggermente in vantaggio rispetto a Slovenia, Austria e Spagna. L’Italia ha prestazioni particolarmente scarse in questo settore e i punteggi sono piuttosto bassi per Polonia e Slovacchia.

Risultato ROPI Dominio II - Scelta, capacità giuridica e capacità decisionale
Tabella 4 – Risultato ROPI Dominio II – Scelta, capacità giuridica e capacità decisionale

In quasi tutti i paesi partecipanti esiste una legislazione che richiede il consenso dell’utente per ottenere tutte le forme di assistenza (inclusa l’istituzionalizzazione) e tutti i compiti di cura che possono essere considerati invasivi. Irlanda13, Italia e Slovacchia fanno eccezione; tuttavia, per la maggior parte delle cure è necessario il consenso informato anche in questi paesi. Le Direttive Anticipate sono riconosciute in otto dei paesi partecipanti, ma solo in Spagna e Portogallo sono legalmente vincolanti (in Austria sono legalmente vincolanti solo in circostanze specifiche, escluse le emergenze).

 

Dominio III – Assenza di abusi e maltrattamenti

Il dominio III è uno dei domini con le migliori prestazioni con quattro paesi nella fascia di punteggio più alta (Finlandia, Portogallo, Svizzera [Cantone Berna] e Regno Unito) e solo un paese nella gamma di punteggio più bassa (Slovacchia). Nello specifico i paesi hanno punteggi migliori per l’adozione di meccanismi di monitoraggio rispetto all’adozione di una legislazione sull’abuso e sul maltrattamento delle persone anziane (ad es. Polonia, Spagna, Slovacchia, Svezia), ad eccezione dell’Italia in cui è in vigore una legislazione, ma nessun meccanismo di rafforzamento.

Risultato ROPI Dominio III - Assenza di abusi e maltrattamenti
Tabella 5 – Risultato ROPI Dominio III – Assenza di abusi e maltrattamenti

 

Dominio IV – Vita, libertà, libertà di movimento

Il dominio IV fa riferimento all’uso di contenzioni e i risultati mostrano che la legislazione e le linee guida sull’uso delle contenzioni (fisiche o chimiche) sono ancora carenti e limitati alle cure istituzionali. L’Italia, il Regno Unito e la Slovenia ottengono il punteggio più alto possibile in questo settore. Metà dei paesi si trova nella fascia di punteggio più bassa (Finlandia, Irlanda, Polonia, Portogallo, Slovacchia e Svizzera). Questo è il dominio con le prestazioni peggiori dell’intero indice.

Risultato ROPI Dominio IV - Vita, libertà, libertà di movimento
Tabella 6 – Risultato ROPI Dominio IV – Vita, libertà, libertà di movimento

È importante notare che l’indicatore di struttura misura l’esistenza di una legislazione volta a ridurre al minimo l’uso di contenzioni fisiche o chimiche in contesti di cura diversi, ma non valuta l’adeguatezza di tali legislazioni. L’indicatore di processo correlato misura se esistono linee guida sulle alternative all’uso delle contenzioni nelle strutture di assistenza a lungo termine residenziali e nelle cure a lungo termine a casa e in comunità. Solo l’Austria (Vienna), la Svezia e l’Italia hanno tali linee guida.

 

Dominio V – Privacy e vita familiare

Sia il diritto alla protezione dei dati personali che il mantenimento dei legami familiari fanno parte della Carta dei diritti fondamentali dell’UE (articoli 7 e 8, rispettivamente). Gli indicatori sulla vita familiare comprendono la legislazione sul diritto a una casa di cura vicino alla propria abitazione o sulla possibilità di accedere a strutture condivise per le coppie, nonché l’esistenza di linee guida o procedure per inquadrare i diritti di visita nelle cure istituzionali. La riservatezza dei dati si riferisce all’esistenza di un’autorità pubblica responsabile della conservazione sicura dei dati. I punteggi bassi raggiunti in questo settore sono per lo più legati alle aree di mantenimento dei legami familiari. Irlanda e Slovacchia sono le eccezioni, insieme a Finlandia e Polonia.

Risultato ROPI Dominio V - Privacy e vita familiare
Tabella 7 – Risultato ROPI Dominio V – Privacy e vita familiare

Il mantenimento dei legami familiari per le persone anziane nelle case di cura è garantito soprattutto in Finlandia. In questo paese, i comuni devono fornire servizi vicini alle case delle persone e ai coniugi viene concesso il diritto di vivere insieme in una casa di cura, anche se uno di loro non necessita di cure. La maggior parte degli altri paesi non dispone di una legislazione che garantisca alcun diritto a ricevere assistenza istituzionale vicino alla comunità, né a far sì che i coniugi risiedano insieme.

 

Per quanto riguarda le linee guida per i diritti di visita, Irlanda, Austria (Vienna), Slovacchia e Polonia hanno norme nazionali obbligatorie a tutela dei diritti di visita e quindi ottengono il punteggio massimo nell’indicatore. Nella maggior parte dei paesi, tuttavia, nonostante i diritti di visita non siano previsti da alcun tipo di linee guida, i parenti sono generalmente considerati liberi di visitare i propri cari ricoverati. Il mantenimento della vita familiare, sia attraverso i diritti di visita sia garantendo la co-residenza dei coniugi, rimane un’area sottosviluppata nella legislazione e nelle procedure nazionali che disciplinano l’assistenza istituzionale.

 

Relativamente alla riservatezza dei dati, il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’UE è già stato recepito nella legislazione nazionale in tutti i paesi analizzati e, in ciascuno di essi, è stata istituita un’autorità pubblica responsabile della conservazione sicura e dell’uso dei dati personali generali. Nella maggior parte di questi paesi, oltre ai requisiti minimi stabiliti dalla Direttiva UE è stata istituita un’autorità indipendente per l’uso e la conservazione sicuri dei dati personali e sanitari, sebbene in alcuni casi i dati possano essere archiviati attraverso specifici fornitori (ad es. in Slovacchia e in Italia).

 

Dominio VI – Partecipazione e inclusione sociale

Nel dominio VI i paesi mostrano complessivamente buone prestazioni. Tutti i paesi hanno disposizioni generali in cui è previsto che le strutture pubbliche14e i trasporti pubblici, compresi quelli su strada, ferroviari e aerei, siano accessibili indipendentemente dall’età e dal tipo di disabilità.

 

Mentre la legislazione in tutti i paesi copre l’accessibilità delle strutture pubbliche e dei trasporti per le persone anziane, meno diffusa è la garanzia di accesso alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC)15. I paesi più avanzati in questo senso sono Austria, Polonia, Spagna e Svizzera.

Risultato ROPI Dominio VI – Partecipazione e inclusione sociale
Tabella 8 – Risultato ROPI Dominio VI – Partecipazione e inclusione sociale

Austria, Spagna (Madrid) e Slovacchia hanno strategie nazionali che affrontano direttamente la deistituzionalizzazione della popolazione anziana. La legislazione finlandese, slovena e svedese si concentra maggiormente sulle misure per prevenire l’istituzionalizzazione attraverso lo sviluppo di assistenza e sostegno a livello comunitario. La Polonia e il Regno Unito non hanno una legislazione specifica in materia di deistituzionalizzazione. In Svizzera non esiste una strategia nazionale o una legge federale che preveda misure per il passaggio dall’assistenza istituzionale a quella comunitaria; i servizi per gli anziani sono regolati a livello cantonale. L’Italia e il Portogallo hanno elementi di deistituzionalizzazione in varie legislazioni a supporto delle persone con disabilità senza particolare riferimento alle persone anziane.

 

Dominio VII – Libertà di espressione, libertà di pensiero, coscienza, credenze, cultura e religione

La libertà di espressione, la libertà di pensiero, coscienza, credenze, cultura e religione16trova nel ROPI due indicatori di analisi che cercano di valutare l’uguaglianza e la non discriminazione sulla base della religione e delle credenze, con particolare attenzione all’area della protezione sociale e dell’assistenza sanitaria. La religione e le convinzioni sono tra i motivi di discriminazione esplicitamente protetti dalla legislazione nazionale di tutti i 12 paesi.

 Risultato ROPI Dominio VII – Libertà di espressione, libertà di pensiero, coscienza, credenze, cultura e religione
Tabella 9 – Risultato ROPI Dominio VII – Libertà di espressione, libertà di pensiero, coscienza, credenze, cultura e religione

Per quanto riguarda il rispetto delle diverse credenze, cultura e religioni nei servizi di assistenza, secondo le informazioni fornite dagli esperti nazionali, esistono norme e linee guida nazionali e tutti i paesi offrono protezione legale per la libertà di religione e di credo. Tuttavia, non ovunque questi si traducono in standard nazionali specifici e meccanismi di monitoraggio atti a garantire che le esigenze religiose e culturali di tutti gli utenti dei servizi siano rispettate e che i requisiti minimi siano effettivamente applicati.

 

Dominio VIII – Livello di salute

I risultati relativamente positivi raggiunti dalla maggior parte dei paesi in questo dominio non sono forse sorprendenti poiché la parità di accesso all’assistenza sanitaria è per la maggior parte sancita dalle leggi e persino dalle costituzioni della maggior parte dei paesi dell’UE. Garantire che l’accesso alle cure non sia limitato da motivi ingiusti (come la mancanza di mezzi), rappresenta un obiettivo politico chiave in questo settore (OECD, 2017). La maggior parte dei paesi non ha segnalato restrizioni statutarie all’accesso alle diverse forme di assistenza sanitaria. Le eccezioni, come il Regno Unito (Inghilterra), si riferiscono principalmente alle cure odontoiatriche per le quali sono richiesti cofinanziamenti. Tuttavia, lo Studio evidenzia che l’assenza di restrizioni legali potrebbe non essere sufficiente per garantire che le persone anziane siano in grado di accedere all’assistenza sanitaria.

Risultato ROPI Dominio VIII – Livello di salute
Tabella 10 – Risultato ROPI Dominio VIII – Livello di salute

L’indicatore sulla legislazione o sulle strategie esplicite che impongono l’integrazione dell’assistenza sanitaria e sociale per le persone anziane è senza dubbio l’indicatore con i risultati meno positivi in questo dominio. In Austria, Italia, Polonia o Spagna, i servizi di assistenza sociale e sanitaria rimangono saldamente separati, nonostante alcuni tentativi a livello locale di migliorare il coordinamento. Svezia, Finlandia e Portogallo sono probabilmente le più lontane nel tentativo di integrare l’assistenza17.

 

 

Dominio IX – Adeguato standard di vita

Il livello di vita adeguato si riferisce alla legislazione atta a garantire che le persone anziane dispongano di risorse sufficienti per vivere una vita dignitosa. Il Rapporto evidenzia quanto la mancanza di risorse rappresenti una negazione dei diritti degli anziani. Dei 10 domini, questo mostra la variazione minima nei punteggi fra i paesi, generalmente bassi. Il Regno Unito e la Spagna, seguiti dalla Svezia, mostrano i risultati migliori.

Risultato ROPI Dominio IX – Adeguato standard di vita
Tabella 11 – Risultato ROPI Dominio IX – Adeguato standard di vita

Tutti e 12 i paesi hanno disposizioni normative atte garantire un tenore di vita minimo per le persone anziane come parte del sistema pensionistico o come parte dell’assistenza sociale generale18. In otto dei dodici paesi esiste un sostegno mirato per l’alloggio che serve ad aiutare le persone anziane nel sostenere i costi dell’abitazione. Le modalità di erogazione di tale sostegno variano nei diversi paesi19.

 

 

Dominio X – Reclami e risarcimenti

Il dominio X è uno di quelli con le prestazioni peggiori dell’intero indice: cinque paesi appartengono alla fascia di punteggio più bassa (Irlanda, Italia, Portogallo, Regno Unito e Slovenia) e nessuno dei 12 paesi ha il punteggio più alto. Svezia e Polonia (2.1) ottengono il punteggio più alto tra i paesi partecipanti. I paesi hanno prestazioni particolarmente scarse sull’indicatore che fa riferimento alle procedure di reclamo ad autorità indipendenti in caso di violazione dei diritti subiti da persone anziane.

Risultato ROPI Dominio X – Reclami e risarcimenti
Tabella 12 – Risultato ROPI Dominio X – Reclami e risarcimenti

Solo la Svizzera (Cantone Berna) e la Polonia hanno adottato leggi nazionali per aumentare la consapevolezza dei diritti delle persone anziane nel contesto dell’assistenza e del sostegno. Gli organismi per la parità dei diritti, in quasi tutti i paesi, svolgono attività generali di sensibilizzazione e varie campagne sui diritti di gruppi specifici (ad esempio rom, migranti, bambini ecc.) ma non sui diritti degli anziani. In sei paesi (Austria, Polonia, Slovacchia, Slovenia, Spagna e Svizzera [Cantone Berna]) esiste una legislazione che stabilisce misure attraverso le quali gli anziani possono rivendicare i propri diritti e, nella maggior parte dei paesi, esiste anche un’autorità indipendente legalmente stabilita a cui le persone anziane possono rivolgersi per rivendicare i propri diritti, anche se non specificamente stabiliti per le persone anziane.

 

Per quanto riguarda l’adeguatezza delle procedure di reclamo, la Polonia e la Svezia sono gli unici paesi che ottengono il punteggio massimo, il che significa che le informazioni sul meccanismo di reclamo sono accessibili (ad esempio con caratteri di grandi dimensioni e di facile lettura), l’anonimato dei denuncianti può essere garantito durante tutta la procedura di reclamo e l’autorità indipendente può rappresentare il denunciante in procedimenti giudiziari. Sette paesi (Austria, Irlanda, Italia, Portogallo, Slovenia, Spagna e Regno Unito) ottengono il punteggio più basso, in generale perché il loro Organismo per l’uguaglianza non può rappresentare il denunciante nei procedimenti giudiziari, né fornire informazioni in formato accessibile sul suo sito web. Vi è certamente un margine di miglioramento in tutti i paesi rispetto alla sensibilizzazione sui diritti degli anziani.

 

La posizione di arretratezza dell’Italia nel ROPI

Nei risultati complessivi per il ROPI (Indice dei diritti delle persone anziane) l’Italia mostra un punteggio medio di 1.8, collocandosi all’11° posto su 12 dei paesi indagati. Lo studio evidenzia le debolezze e le criticità dell’Italia nella maggior parte delle aree esaminate dallo strumento, strettamente connesse ai diritti all’assistenza da parte delle persone anziane non autosufficienti.

 

Più precisamente, l’Italia evidenzia le peggiori performance al ROPI nei domini inerenti la libertà di scelta (specificatamente alla possibilità di scelta dei gestori di assistenza e a tutto il tema delle Disposizioni Anticipate di Trattamento), il mantenimento dei legami familiari, soprattutto in riferimento a leggi che favoriscano il mantenimento dei legami familiari anche durante l’assistenza e le politiche di informazioni sui diritti delle persone anziane e sulla tutela degli stessi. Non solo, anche le aree inerenti la tutela da abusi e maltrattamenti, la libertà di pensiero e di espressione, il livello di salute garantito, con preciso riferimento alle politiche di Long-Term Care e la garanzia di un adeguato standard di vita, soprattutto in relazione al supporto abitativo protetto, risultano per l’Italia tutte aree deboli al ROPI.

 

Il tema della partecipazione e dell’inclusione sociale così come l’area relativa alla parità di accesso ai servizi di assistenza, siano essi domiciliari, semiresidenziali o residenziali risultano essere sufficientemente garantite ma, da osservare e monitorare. L’Italia mostra invece un ottimo risultato nella regolazione all’utilizzo delle contenzioni, fisiche o chimiche.

 

 

Il Quadro Di Valutazione Degli Indicatori Di Risultato: il quadro di sintesi20

Il Quadro di valutazione degli indicatori di risultato misura le prestazioni del paese in termini di risultati effettivi, vale a dire i risultati raggiunti nell’adempimento dei diritti fornendo, quindi, una visione d’insieme del rispetto dei diritti nella realtà (tabella 13). Ogni indicatore21di risultato ha un collegamento con almeno alcuni degli indicatori di struttura e processo del ROPI in un determinato dominio. Il quadro di valutazione comprende 17 indicatori22raggruppati in quasi tutti gli stessi domini utilizzati per il ROPI23.

 

Svezia e Finlandia (quest’ultima nonostante i valori mancanti) ottengono i risultati migliori tra i paesi inclusi nel quadro di valutazione, in quanto presentano il numero più elevato di indicatori con valori “buoni ma da monitorare”.  Il Quadro di Valutazione degli indicatori di risultato mostra, per quasi tutti i paesi, risultati più positivi rispetto al ROPI. Nonostante, ad esempio, gli scarsi risultati in termini di accesso alle cure a lungo termine per molti paesi, l’opinione degli anziani sulla qualità dei servizi di assistenza nel loro paese è comunque positiva.

I domini e gli indicatori del quadro di valutazione sull'indicatore di risultato
Tabella 13- I domini e gli indicatori del quadro di valutazione sull’indicatore di risultato

 

In conclusione, il gruppo di ricerca evidenzia la necessità di disporre di maggiori dati sugli indicatori chiave per sopperire alle attuali lacune, allo scopo di migliorare le conoscenze sull’effettivo rispetto dei diritti delle persone anziane ed adottare politiche di Long-Term Care adeguate per garantirne la tutela.

 

 

Photo by Matthew Bennett on Unsplash

Note

  1. Ad esempio, nell’ambito del progetto DAPHNE Eustacea per lo sviluppo della Carta europea dei diritti e delle responsabilità delle persone anziane bisognose di cure e assistenza a lungo termine
  2. L’articolo intende offrire una sintesi ragionata dei risultati di questo studio, non costituisce una traduzione letterale dello stesso
  3. Anche attraverso una Convenzione internazionale distinta che si occupi specificamente dei diritti delle persone anziane al pari di altri strumenti già esistenti relativi ai diritti di donne, bambini o persone con disabilità da cui deriverebbe il diritto legale delle persone anziane ad accedere a cure e assistenza di qualità qualora ne avessero necessità e ne richiederebbero la fruizione. A livello regionale, nel 2015, l’Organizzazione degli Stati americani (OAS) ha adottato la Convenzione interamericana sulla protezione dei diritti umani delle persone anziane, di cui fanno parte 7 Stati latinoamericani
  4. Il gruppo di lavoro a tempo indeterminato dell’ONU sull’invecchiamento ha discusso della possibilità di una nuova convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone anziane in generale (vale a dire non limitata alle persone anziane con esigenze di assistenza e sostegno). Gruppi di sostegno come AGE Platform Europe, HelpAge International ed ENNHRI hanno avanzato il discorso al riguardo, indicando un ampio consenso sul fatto che i diritti delle persone anziane non siano considerati adeguatamente nell’ambito degli attuali standard sui diritti umani
  5. Nello studio vengono utilizzate le seguenti abbreviazioni: Austria (AT) Finlandia (FI) Irlanda (IE) Italia (IT) Polonia (PL) Portogallo (PT) Slovacchia (SK) Slovenia (SI) Svezia (SE) Svizzera (CH) Regno Unito (UK)
  6. Per consultare la metodologia di calcolo e di ponderazione dei punteggi assegnati a ciascun indicatore e l’analisi dei coefficienti di correlazione individuati per verificare la relazione tra i domini e tra ciascun dominio e l’indice si rimanda allo studio completo
  7. Le informazioni sono state raccolte attraverso ricerche documentali su banche dati esistenti e relazioni pubblicate periodicamente da organizzazioni internazionali, integrate da una raccolta di dati primari tramite un questionario inviato a esperti nazionali selezionati tra ministeri o enti pubblici competenti (compresi università e centri di ricerca) in ciascuno dei paesi partecipanti
  8. Nei casi in cui la descrizione fornita dall’esperto non è risultata sufficientemente approfondita, il gruppo di ricerca ha accettato il punteggio proposto con l’inserimento di un asterisco. La categoria “non disponibile” (n.a.) è stata introdotta nei casi in cui non è stato possibile assegnare un punteggio al paese per le seguenti ragioni: 1)in caso di raccolta primaria dei dati quando l’esperto del paese non ci ha fornito punteggio, né descrizione; 2) quando l’esperto del paese ha assegnato un punteggio superiore a 1, ma il campo del questionario per la spiegazione è stato lasciato vuoto; 3)quando l’esperto del paese ha identificato la questione come competenza regionale, ma non siamo stati in grado di ottenere le informazioni dalla regione capitale; 4)
    in caso di raccolta secondaria dei dati, quando il paese non faceva parte dell’origine dati).
  9. Le informazioni si riferiscono ai servizi di assistenza forniti nell’ambito della Rete di Assistenza Integrata (RNCCI).
  10. Quest’ultimo, sebbene non sia tecnicamente un mezzo di prova, può ancora essere abbastanza sostanziale e limitare l’accesso alle cure (Muir, 2017).
  11. Svezia, Finlandia e Slovenia non hanno segnalato restrizioni oltre alla valutazione medica dei bisogni, condizione necessaria in tutti i paesi analizzati. Nei restanti paesi c’erano test dei mezzi (ad es. Spagna); limiti ai costi di dispositivi o adattamenti pagati pubblicamente (ad es. Svizzera); o de facto razionamento delle risorse una volta raggiunto il budget totale anche se l’accesso stesso non era legalmente limitato (ad es. Portogallo).
  12. In Italia note come Disposizioni Anticipate di Trattamento
  13. La Legge sul processo decisionale assistito (capacità) del 2015 non è ancora stata completamente avviata, ma una volta che la Legge entrerà in vigore, si prevede che sarà richiesto il consenso informato per tutti gli scopi di assistenza e sarà giuridicamente vincolante
  14. In tutti i paesi, la costruzione di autorizzazioni per tutte le nuove strutture pubbliche richiede che queste siano senza barriere e accessibili a tutte le persone. In Finlandia, Irlanda, Portogallo e Spagna le procedure richiedono che gli adattamenti debbano essere fatti anche per gli edifici e le strutture pubbliche esistenti. Allo stesso tempo, la Finlandia, l’Irlanda, la Slovacchia e la Slovenia hanno disposizioni nella loro legislazione che stabiliscono l’accessibilità nella costruzione di edifici residenziali privati in cui le persone con disabilità o le persone anziane si trasferiranno.
  15. Sono l’insieme dei metodi e delle tecniche utilizzate nella trasmissione, ricezione ed elaborazione di dati e informazioni (tecnologie digitali comprese).
  16. La libertà di pensiero e di religione è uno dei diritti inclusi nella Carta dei diritti fondamentali dell’UE (articolo 10).
  17. Ad esempio, la Svezia ha recentemente adottato una legislazione (2018) che mira a migliorare il coordinamento tra assistenza sanitaria e sociale quando le persone anziane vengono dimesse dagli ospedali. Il Portogallo ha legiferato sulla creazione di una rete di assistenza integrata già nel 2006, riunendo i fornitori di servizi sociali e sanitari, sebbene esista una rete parallela e stabilita in precedenza di servizi per lo più di assistenza sociale che rimane rigorosamente separata.
  18. Nell’ambito del sistema pensionistico di vecchiaia, viene fornita una rete minima di sicurezza pensionistica sotto forma di un supplemento pensionistico in Austria, una pensione di garanzia in Svezia e Finlandia, una pensione minima testata per mezzo in Italia e Spagna e un contributo basato su “pensione minima o di base” in Polonia, Slovacchia, Slovenia, Svizzera, Irlanda, Portogallo e Regno Unito. In tutti i paesi sono disponibili ulteriori schemi testati sui mezzi come parte del reddito minimo garantito o dell’assistenza sociale per le persone senza altri mezzi di supporto finanziario o insufficienti.
  19. In alcuni, come la Svezia, la Finlandia e la Svizzera, esso viene erogato a titolo di indennità integrativa o di integrazione abitativa per i pensionati, mentre in altri (ad es. Portogallo, Slovenia) il sostegno specifico all’alloggio per gli anziani è integrato nel sistema di assistenza sociale. In Spagna, l’assegno per l’alloggio è legato alla pensione di vecchiaia non contributiva. Infine, in Irlanda e nel Regno Unito è previsto un supplemento/assegno per il riscaldamento e il carburante per i pensionati.
  20. Per ulteriori approfondimenti sui risultati emersi dal Quadro di Valutazione degli indicatori di risultato si rimanda allo studio completo
  21. Un fattore chiave per la scelta degli indicatori del Quadro di Valutazione è stata la comparabilità internazionale degli indicatori nei paesi europei e la loro comparabilità nel tempo. Nell’individuazione degli indicatori si è tenuto conto dei set di dati comparativi europei come le statistiche europee sul reddito e le condizioni di vita (EU-SILC) di Eurostat, il sondaggio sulla salute, l’invecchiamento e la pensione in Europa (SHARE), il sondaggio sociale europeo (ESS) e la qualità europea of Life Survey (EQLS) di Eurofound, principali set di dati da cui sono derivati gli indicatori. Fonti di dati aggiuntive, come Eurobarometer Surveys, sono state utilizzate solo nei casi in cui le informazioni sull’indicatore selezionato non erano disponibili o sufficienti.
  22. per ulteriori informazioni sulle categorie e i valori di ciascun indicatore si rimanda allo studio completo
  23. In assenza di indicatori di risultato adeguati e affidabili per i domini III (Assenza di abusi e maltrattamenti) e IV (Vita, libertà, libertà di movimento), questi due domini non sono inclusi nel quadro di valutazione

Bibliografia

Birtha M., Rodrigues, R., Zólyomi, E., Sandu, V. &Schulmann, K. (2019), From disability rights towards a rights-based approach to Long-term care in Europe: Building an index of rights-based policies for older people, Vienna: European Centre for Social Welfare Policy and Research.

Muir T., (2017), Measuring social protection for long-term care, OECD Health Working Papers, No. 93, OECD Publishing, Paris.

OECD/European Union (2017), Preventing ageing unequally, OECD Health Policy Studies, OECD Publishing,

 

P.I. 00777910159 - © Copyright I luoghi della cura online - Privacy Policy - Cookie Policy

Realizzato da: LO Studio